Il ritorno del Caimano

Povero Alfano, conta meno della Santanchè. Già in precedenza avevamo scritto di Alfano, definendolo “un segretario che non è di un partito che non c’è”. Adesso che il nano di Arcore decide di tornare a candidarsi premier, il povero Alfano, anziché presentare le dimissioni da segretario del PDL, dichiara tra le lacrime che gliel’ha chiesto lui. Che brutta cosa vivere un’intera vita da servi, provo un sincero senso di pena per quest’uomo senza spessore, senza capacità, che ha rinunciato ad avere un pensiero libero e un po’ di dignità.

Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...